PomeziaCalcio

Il Fiumicino espugna il Comunale: Seconda sconfitta consectiva per i ragazzi di Gagliarduci

Pomezia-Fiumicino 1-2

Marcatori: 35’ Bellitta (P), 53’ Clementucci (F), 61’
Rei (F)

POMEZIA: De Maio, Perendellini, Franco (dal 66’ Abate), De Santis, Giannetti, Morelli, Arduini (dal 66’ Aquilani), Tortora (dal 66’ Ruggiero), Pippi (dal 76’ Cestrone), Bellitta, Bussi. A disp.: Rossi, Fonticelli, Conti, Mezzina, Andrea Bizzaglia. All.: Cristiano Gagliarducci.

FIUMICINO: Molon, Ferrari, De Franco (dal 40’ D’Auria), Marzi, Giacinti, Bove (dall’85’ Benedetti), Parini (dal 74’ Ferrentino), Munaretto, Centi (dall’82’ Di Fiandra), Clementucci (dal 90’ D’Iorio), Rei. A disp.: Gattella, Polisini, De Nicolo, Migliorini. All.: Antonio Fascione. 

Arbitro: Emanuele Velocci (sez. di Frosinone) Ass.: Antonio Iacca (sez. di Ciampino) e Leonardo Degli Abbati (sez. di Roma 1)

NOTE. Ammoniti: 49’ Morelli (P), 80’ Centi (F), 83’ Bellitta (P).

Angoli: 5-4.

Recupero: 1‘ pt, 5‘ st.

Eccellenza laziale (Girone A), 4ª giornata

Domenica 18 ottobre 2020, ore 11

Stadio ‘Comunale’ di Pomezia

Il Pomezia cade ancora e dopo la sconfitta di Ladispoli esce sconfitto anche tra le mura amiche contro un Fiumicino
orgoglioso, che soffre nel primo tempo prima di rimontare e ottenere una clamorosa impresa sul campo di una delle favorite al primo posto.

Gagliarducci sempre in emergenza perde anche De Luca nel riscaldamento e lo rimpiazza con Perendellini nel 4-3-3, con Bussi e Arduini a sostegno di Pippi, mentre Fascione dalla parte opposta risponde con lo stesso modulo con Parini e Rei ai lati di Centi.

Dopo i primi 10’ di studio, intorno al quarto d’ora arriva il primo botta e risposta con Pippi che di testa chiama Molon alla prima respinta e Parini che calcia largo da posizione defilata sul ribaltamento.

Il copione della gara è chiaro sin dalle prime battute, col Pomezia che fa la partita e il Fiumicino che
attende e riparte. La formazione di Gagliarducci prende sempre più il sopravvento col passare del tempo e comincia anche a
collezionare palle-gol. Al 28’ Bussi riesce a sfondare in area e col piattone costringe Molon a una super parata a mano aperta in angolo. Passa un minuto ed è il turno di Pippi, che tutto solo in area calcia in diagonale trovando ancora il portierone ospite attento a respingere.

Il gol è nell’aria e arriva puntuale al 35’: Bellitta scambia con Bussi al limite e si presenta in area piccola davanti a Molon, trafiggendolo con un preciso sinistro per l’1-0, che regge fino al duplice fischio.

La ripresa sembra iniziare sulla falsa riga del primo tempo, ma dal possibile raddoppio del Pomezia, si passa all’inaspettato
pareggio del Fiumicino: su un’azione di contropiede dei padroni di casa, De Santis serve Bussi in sospetta
posizione di off-side prima che Pippi insacchi il pallone a porta vuota; i pometini protestano e si distraggono, consentendo
agli ospiti di trovare il pareggio sul ribaltamento di fronte con Clementucci che si invola in campo aperto e batte l’incolpevole De Maio per l’1-1.

Il Pomezia accusa il colpo e pochi istanti dopo l’ora di gioco, incassa addirittura il gol del clamoroso 1-2: Parini tocca al limite per Rei, il quale dal vertice destro dell’area si inventa un sinistro a giro da urlo che si insacca all’incrocio dei pali e completa la rimonta ospite.

I padroni di casa accusano il colpo ed eccetto due tentativi pericolosi ma fuori misura di Perendellini al 72’ e di Aquilani in rovesciata all’86’, non creano grandi occasioni per il pareggio. La chance più ghiotta per il 2-2 arriva però in pieno recupero: cross di Cestrone dal lato corto destro dell’area al 94′ e spizzata a botta sicura di Aquilani; sembra fatta, ma con un superbo colpo di reni Molon la toglie dall’angolino e mette la sua indelebile firma sull’impresa del Fiumicino, che ottiene la seconda vittoria in campionato e aggancia proprio il Pomezia a 6 punti.

 

Ufficio stampa Pomezia Calcio 1957

 

 

Matteo Tortora torna a vestire rossoblù. Marvin Mezzina promosso in prima squadra

Il Pomezia Calcio 1957 è lieta di annunciare il ritorno di Matteo Tortora e la promozione in prima squadra di Marvin Mezzina.

Tortora, classe 1998, è un vero e proprio jolly. Può essere impiegato in vari ruoli anche se preferisce giocare come fantasista. E’ un giocatore molto tecnico a cui piace giocare dietro le punte per andare al tiro o servire assist per i compagni. Matteo torna a Pomezia dopo le esperienze con il Pro Cisterna e il Real Rocca di Papa.
 
Mentre Marvin Mezzina, classe 2002, è reduce da una buona stagione con la Juniores Nazionale rossoblù e quest’anno mister Gagliarducci ha deciso di aggregarlo alla prima squadra. Dotato di una grande tecnica e abile nel calciare le punizioni, è tornato a Pomezia due anni fa dopo una parentesi con l’Ostiamare. In passato è stato accostato a diverse società professionistiche, ma purtroppo alcuni infortuni gli hanno impedito di fare il grande salto.
Ufficio stampa Pomezia Calcio 1957

Il portiere classe 2000 ex Vigor Lamezia Alessio Rossi è un nuovo giocatore rossoblù

Il Pomezia Calcio 1957 è lieta di annunciare l’acquisto del portiere classe 2000 Alessio Rossi.

Rossi, nativo di Grosseto e alto 1 metro e 86 centimetri nell’ultima stagione ha vestito la maglia della Vigor Lamezia nel campionato di Eccellenza calabrese. In passato ha militato nell’ Atletico Piombino (Eccellenza), nel Poggibonsi (Eccellenza) Siena (C), Siena (settore giovanile) e Spal (under 17).

Il DS Alessandro Mezzina si è detto soddisfatto dell’operazione di mercato rimarcando anche:

Diamo il benevenuto ad Alessio, un portiere giovane ma con tanta esperienza tra Eccellenza e Serie C alle spalle. Nelle ultime settimane la sfortuna ci ha perseguitato e l’infermeria non è mai stata così piena come in questo periodo.

Tanti giocatori sono fermi ai box per vari infortuni e colgo l’occasione per fare un forte in bocca a lupo al nostro portiere classe 2002 Gennaro Balletta, che quest’anno dopo l’esperienza all’Ostiamare ha scelto di tornare a vestire la maglia rossoblù del Pomezia, ma per problemi fisici per un periodo dovrà stare lontano dal campo. Lo aspettiamo più forte di prima.

Domenica al Comunale arriva il Fiumicino e nonostante le numerose assenze dobbiamo cercare di fare bottino pieno. Con il Ladispoli è stata solo una battuta di arresto, anche quest’anno abbiamo allestito una squadra di tutto rispetto che cercherà di combattere fino all’ultima giornata per la promozione in Serie D.”

Ufficio stampa Pomezia Calcio 1957

Domenica 18 per la partita contro il Fiumicino bisognerà registrarsi mandando una mail entro sabato alle ore 13.00

A seguito del Comunicato Ufficiale N° 96 del Comitato Regionale Lazio in base al nuovo DPCM si precisa che domenica per assistere alla partita della nostra prima squadra in programma alle ore 11.00 allo Stadio Comunale di Via Varrone contro il Fiumicino bisognerà registrarsi mandando una mail all’indirizzo: prenotazione.pomeziacalcio1957@gmail.com entro e non oltre sabato 17 ottobre alle ore 13.00.
MODALITÀ DI ACCESSO DEL PUBBLICO
La presenza di pubblico è comunque consentita esclusivamente nei settori degli impianti sportivi nei quali sia possibile assicurare la prenotazione e assegnazione preventiva del posto a sedere, nel rispetto del 📏 distanziamento interpersonale di almeno 1 metro, con obbligo di misurazione della 🤒 temperatura all’accesso e utilizzo della 😷 mascherina. Inoltre, dovrà essere conservato un elenco del pubblico presente con indicazione del posto a ciascuno assegnato.
COMUNICATO UFFICIALE N.96

 

Pomezia sconfitto 2 – 0 a Ladispoli. Pesano le tante assenze e la poca precisione in zona gol

Il Pomezia esce sconfitto dall’Angelo Sale di Ladispoli.

Gagliarducci  sempre in emergenza senza Lo Pinto, Gamboni, Cestrone, Gallo Prioteasa, conferma il consueto 4-3-3 con Canale e Aquilani ai lati di Pippi, con il neoacquisto Bussi inizialmente in panchina.

Gara intensa ma poco spettacolare sin dalle prime battute. Il primo tentativo è di Teti all’ottavo, ma il suo colpo
di testa su cross di Monfreda viene deviato in angolo da De Maio.

La risposta dei pontini è affidata al tiro-cross velenoso di Aquilani 2’ più tardi, poi al 19’ un brutto scontro aereo tra Capanna e Tommaselli costringe Germano a interrompere il gioco per 3’, con il terzino del Pomezia sanguinante
e costretto a lasciare il posto a Morelli.

I ragazzi di Gagliarducci si rendono pericolosi un altro paio di volte, prima al 26’ con Giannetti che non arriva di un soffio
sul cross di Bellitta e poi soprattutto al 37’ con il tiro al volo di Aquilani dal limite deviato sopra la traversa con un intervento da urlo di Agostini.

Il match viaggia sul filo dell’equilibrio per tutti i primi 45’ e dopo l’ultima conclusione larga di Teti al 44’, il primo tempo va in archivio giustamente sullo 0-0.

La ripresa si apre con Bussi per Bellitta negli ospiti e con il Ladispoli che rientra in campo con un
altro piglio.

Gli uomini di Scorsini spingono fin da subito alla ricerca del vantaggio e, dopo le conclusioni fuori misura di Bezziccheri La Rosa e l’anticipo prodigioso di Giannetti su Teti, al 57’ passano: corner di Bezziccheri dalla sinistra, Teti anticipa tutti sul primo palo e con una zampata da rapace d’area firma l’1-0
all’angolino.

Il Pomezia accusa il colpo e 8’ più tardi subisce la rete del ko: lancio dalle retrovie, Teti prende il tempo a Daleno
costringendo De Maio (che già aveva sventato un colpo di testa del solito centravanti ladispolano poco prima)a un vero e proprio miracolo; la sua respinta però finisce sul ginocchio dell’ex difensore dello Spoleto che infila la propria porta per il più classico degli autogol.

La reazione dei pontini è tutta in un’azione personale di Canale al 70’ sventata prima da Agostini e poi da Monfreda sulla
linea, ma l’assedio degli uomini di Gagliarducci è sterile e i padroni di casa gestiscono senza troppi affanni il doppio
vantaggio.

Nel finale c’è spazio soltanto per un colpo di testa largo di Daleno e per l’ultimo grande intervento di Agostini sulla conclusione ravvicinata di Aquilani, poi Germano fischia tre volte e fa partire la festa del Ladispoli.

Vittoria di carattere per la squadra di Scorsini, che ottiene il secondo successo consecutivo al Sale e arriva nel migliore dei
modi alla trasferta di Aranova. Primo ko pesante invece per il rimaneggiato Pomezia, che si lecca le ferite in attesa di riprendere la propria marcia verso la Serie D domenica prossima contro il Fiumicino al Comunale.

Tabellino:

Marcatori: 57’ Teti, 65’ aut. Daleno

ACADEMY LADISPOLI: Agostini, Salvato, Monfreda, Perocchi, D’Aguanno, Capanna (dall’85’ Cedeno), Teti, Bezziccheri (dal 64’ Tabarini), Nuti (dal 90’ Bacchi). A disp.: Grosso, Buonanno, Roscioli, Cotani, Cagnoni,
Baronci. All.: Marco Scorsini.

POMEZIA: De Maio, Franco, Tommaselli (dal 19’ Morelli), De Santis Giannetti, Daleno, Aquilani, De Luca, Pippi, Bellitta (dal 46’Bussi), Canale (dall’84’ Arduini). A disp.: Mastella, Abate, Conti, Tortora, Fonticelli,
Mezzina. All.: Cristiano Gagliarducci.

Arbitro: Mirko Germano (sez. di Ostia Lido) Ass.: Emiliano Stazi (sez. di Tivoli) e Andrea
Garcea (sez. di Roma 1)

NOTE. Ammoniti: 21’ Franco (P), 28’Daleno (P), 33’ De Santis (P), 47’ Giannetti (P), 54’ Aquilani (P).

Angoli: 7-4.

Recupero: 4′ pt, 3′ st.

Seconda vittoria consecutiva! Bellitta decide la sfida contro il Cittá di Cerveteri

POMEZIA: De Maio, Franco, Gallo (dal 58’ Morelli), De Santis,
Giannetti, Daleno, Aquilani, De Luca, Pippi, Bellitta (dal 78’ Priorelli),
Canale (dall’83’ Arduini).

A disp.: Mastella, Abate, Conti, Perendellini, Fonticelli,
Mezzina.

All.: Cristiano Gagliarducci.

CITTA’ DI CERVETERI: Portoghesi, Del Prete (dal 13’ Franceschetti),
Dragonetti, Dejori, De Angelis, Sagnotti (dal 30’ Millozzi), Iurato, Manzari
(dal 41’ Lavagnini), Giordano (dal 46’ Cissé), Mariani, Carnevali (dal 65’
Fornetti).

A disp.: Montani, De Santis, Pugliese, Bonaventura,

All.: Alberto Mariani.

Arbitro: Alessandro Capponi (sez. di Latina)

Ass.: Michele Nappi (sez. di Latina) e Davide Gneo
(sez. di Latina)

NOTE. Ammoniti: 21’ Sagnotti (C), 24’ Iurato (C),
45’+1’ De Santis (P), 62’ Bellitta (P), 80’ Mariani (C) e De Luca (P).

Espulso all’84’ Mariani (C).

Angoli: 6-1.

Recupero: 3’ pt, 4‘ st.

Eccellenza laziale (Girone A), 2ª giornata

Domenica 4 ottobre 2020, ore 11

Stadio ‘Comunale’ di Pomezia

Il Pomezia batte di misura il Città di Cerveteri grazie al primo gol con la maglia rossoblù di Bellitta e vola a punteggio pieno in testa nel Girone A.
Lo squalificato Gagliarducci senza gli indisponibili Gamboni, Prioteasa, Lo Pinto, Cestrone, Ruggiero e Tommaselli, lancia Canale dal 1’nel tridente con Pippi e Aquilani, mentre Mariani al debutto dalla parte opposta lascia in panchina Cissé, con Giordano unica punta in avanti.

Gara a senso unico sin dalle prime battute col Pomezia che chiude subito gli avversari nella propria metà campo e il Cerveteri che si difende con ordine ma senza mai ripartire in contropiede.

Nel primo quarto d’ora succede poco o nulla, eccetto due mischie pericolose nell’area ospite, con Daleno prima e Giannetti poi che non trovano fortuna. Al 18’ Aquilani chiama Portoghesi alla prima parata in bagher sul suo colpo di testa, mentre 5’ più tardi Bellitta a tu per tu col giovane portiere ospite calcia debolmente, rimandando l’appuntamento col vantaggio.

L’assedio rossoblù prosegue senza sosta e al 28’ Aquilani ha la più ghiotta occasione del primo tempo, ma il suo colpo di testa in corsa su cross al bacio di Canale finisce in pieno sulla traversa a Portoghesi battuto.

Il portiere classe 2003 salva ancora una volta i suoi al 39’, disinnescando il tiro a botta sicura di Bellitta su assist di Gallo, ma proprio nel finale di primo tempo si arrende: calcio di punizione velenoso di Bellitta dalla trequarti, il pallone non viene toccato da nessuno e si insacca in maniera beffarda all’angolino, per il gol che decide la gara.

Nella ripresa il copione della gara non cambia e il Cerveteri conclude per la prima e unica volta verso la porta al 55’, con Iurato che cerca fortuna dalla distanza senza inquadrare però lo specchio.

Il Pomezia gestisce il vantaggio senza affanni, ma non chiude la partita. L’unica occasione degna di nota per il 2-0 arriva al 72’, con Pippi che tutto solo in area sull’ennesimo cross di Canale spedisce alto da due passi il pallone che avrebbe potuto far scorrere anticipatamente i titoli di coda sul match.

Nel finale c’è spazio soltanto per l’espulsione comminata al capitano ospite Mariani, forse per blasfemia o per qualche parola di troppo al direttore di gara e per il tiro largo di Aquilani, poi Capponi fischia tre volte e sancisce il terzo successo consecutivo per il Pomezia tra Coppa Italia e campionato.

Vittoria di misura ma strameritata per i ragazzi di Gagliarducciche volano a punteggio pieno dopo due gare in attesa del big match di Ladispoli domenica prossima e sconfitta invece di misura ma inevitabile per il Città di Cerveteri, che si difende bene ma non crea pericoli dalle parti di De Maio, e torna a casa a mani vuote. Domenica per i ragazzi di Mariani, seconda trasferta consecutiva a Fiumicino.

Scuola Calcio, nasce un nuovo polo a Torvaianica. Il Patron Bizzaglia: “Stiamo investendo tanto sul settore giovanile”

Novità importantissima in casa Pomezia Calcio 1957: Nasce a Torvaianica un nuovo polo per la scuola calcio rossoblù.

E’ una Pomezia sempre più ambizioso quello del Patron Alessio Bizzaglia che sta investendo tanto anche sul settore giovanile “Proprio perchè rappresentano il futuro e da loro bisogna ripartire” ha dichiarato il patron, che poi rimarca “Vogliamo crescere sempre di più sotto tutti i punti di vista. Pomezia è una città che merita palcoscenici calcistici importanti e proprio partendo dalle basi che stiamo costruendo qualcosa di importante.

Sono contentissimo della sinergia che abbiamo messo in piedi con Alessio Caporaletti e tutto il suo staff. Persone molto preparate che aiuteranno il Pomezia Calcio a raggiungere gli obiettivi prefissati in breve tempo soprattutto grazie alla loro metodologia di allenamenti “Coerver Coaching”.

“Sono molto entusiasta di aprire a Torvaianica un nuovo polo della scuola calcio rossoblù. Vogliamo creare un senso di appartenenza fin dai più piccoli amici per far capire fin dalla tenera età l’importanza di indossare la maglia rossoblù che rappresenta una città meravigliosa come quella di Pomezia”.

Bizzaglia, da sempre sensibile ad iniziative sociali e alla crescita dei giovani, crede molto in questo nuovo progetto con l’obiettivo di far diventare sempre più il Pomezia Calcio un punto di riferimento della città e di tutto l’interland.

Il nuovo polo della scuola calcio avrà come sede il Centro Sportivo “Il Delfino” a Torvaianica zona “Campeggio Mare“.

Grazie alla sinergia tra il Patron Bizzaglia e Alessio Caporaletti Istruttore FIGC e Docente della Metodologia Coerver la scuola calcio rossoblù allarga i suoi orizzonti.

Caporaletti, insieme al fratello Marco, a Massimiliano Serpietri e a Davide Di Stefano hanno sposato il progetto del Pomezia Calcio e con Alessio Bizzaglia hanno gettato le basi per una collaborazione lunga e duratura, con l’intento di creare un’unica identità sul territorio per la crescita e la formazioni dei giovani calciatori.

La nostra è una realtà che lavora da anni all’interno di diverse società con la Metodologia Coerver, concentrandoci in allenamenti di tecnica individuale soprattutto con le Academy” – sottolinea Alessio Caporaletti.

“Da quest’anno abbiamo deciso di aprire una scuola calcio e non appena è arrivata la chiamata del Patron Alessio Bizzaglia abbiamo sposato il progetto del Pomezia Calcio.

Ci concentreremo sulla crescita dei ragazzi che vanno dai 2009 ai 2015 e ovviamente ci avvarremo della collaborazione del Responsabile della Scuola Calcio del Pomezia Christian Fittante e del Direttore Tecnico Andrea Bussi, con i quali ci sarà un interscambio continuo di idee e opinioni.

Noi metteremo al servizio dei ragazzi e delle famiglie tutte le nostre conoscenze e la nostra professionlità.

Ci tengo a ringraziare Alessio Bizzaglia che fin da subito a creduto in noi e nel nostro progetto, ci ha aperto le porte di casa sua e siamo onorati di entrare a far parte della grande famiglia del Pomezia Calcio.”

 

Ufficio stampa Pomezia Calcio 1957

 

 

 

 

Vittoria all’esordio! Contro il Vescovio sotto il diluvio decisiva la rete di Daleno

Dopo la qualificazione al secondo turno di Coppa Italia, il Pomezia comincia nel migliore dei modi anche il campionato, piegando di misura a domicilio l’Atletico Vescovio grazie al colpo di testa vincente di Daleno nel finale, che vale i primi tre punti al termine di una vera e propria battaglia.

Sotto la pioggia battente, che rende pesantissimo il campo di Settebagni, lo squalificato Gagliarducci orfano di Gamboni, Cestrone, Ruggiero e Prioteasa, conferma il 4-3-3 con Arduini e Aquilani ai lati di Pippi, mentre Pansa dall’altra parte schiera i suoi con un 4-3-1-2 con Antolini alle spalle di Fabrizi e Pietrobattista.

Il copione della gara e chiaro sin dalle prime battute, con gli ospiti a fare la partita e i padroni di casa compatti in difesa e pronti a ripartire.

l primo brivido lo porta Pippi all’8’, che ben appostato in area spedisce alto di testa il pallone respinto da Alessandri sul velenoso cross di Bellitta. Passano 11’ e l’ex Monterosi ci riprova questa volta con i piedi, ma spedisce a lato il pallone dopo una bella percussione di De Santis.

I rossoblù tengono maggiormente il possesso ma non sfondano e, dopo due colpi di testa pericolosi a lato di Aquilani e Pippi, il primo tempo va in archivio sullo 0-0.

La ripresa si apre senza cambi e con l’Atletico Vescovio a un soffio dal vantaggio con la prima e unica conclusione della sua partita effettuata da Pietrobattista, il quale si libera bene in area e calcia a centimetri dal palo da posizione defilata.

Scampato il pericolo il Pomezia torna a fare la gara senza riuscire a penetrare nel fortino biancorosso. Al 77’ i rossoblù sfiorano la rete con il colpo di testa schiacciato di Tommaselli disinnescato in angolo da un grande intervento di Alessandri, poi 2’ più tardi arriva il gol che decide la partita: corner tagliato di Aquilani dalla destra, Daleno salta tutto solo in area e di testa realizza il gol all’angolino che vale tre punti.

Vittoria sofferta e importantissima del Pomezia che su un campo ai limiti della praticabilità piega un orgoglioso Atletico Vescovio e parte con il piede giusto in campionato in attesa dell’esordio casalingo di domenica prossima con il Cerveteri. Sconfitta a testa altissima invece per gli uomini di Pansa, che tengono testa al più blasonato avversario fino alla fine ma escono a mani vuote. Domenica prossima, altro test sulla carta proibitivo sul campo del Ladispoli.

ATLETICO VESVCOVIO: Alessandri, Delli Muti (dall’82’ Costa), Moresi, Dalla Palma (dal 64’ Criscuolo), Alessandro Longhi, Ivan Longhi, Antolini (dal 73’ Sgherri), Romano, Pietrobattista, Soleri (dal 57’ Tancredi), Fabrizi (dall’80’ Mataldi).

POMEZIA: Balletta, Lo Pinto, Tommaselli, De Santis, Giannetti, Daleno, Aquilani, De Luca, Pippi, Bellitta (dal 64’ Canale). A disp.: De Maio, Abate, Franco, Mezzina, Perendellini, Canale, Conti, Fonticelli, Priorelli. All.: Cristiano Gagliarducci

 

Ufficio stampa Pomezia

 

Esordio col botto per i ragazzi di Gagliarducci! 7 – 2 ai cugini dell’Indomita e passaggio del turno

Indomita Pomezia-Pomezia 2-7

Marcatori: 13’ Daleno (P), 17’ Giannetti (P), 44’ De Santis (P), 61’, 63’ 76’ Pippi (P), 74’ Medei (I), 89’ Seferi (I), 90’+1+ Aquilani (P)

INDOMITA POMEZIA: Spina, Cacciaglia (dal 46’ Andrea Del Grosso), Alessandro Del Grosso, Giacoia, Ugolini, Gabrieli (dal 46’ Medei), Oliva, Bacchiocchi (dal 77’ Palumbo), Cariello (dal 67’ Di Canio), Seferi, Delpriore (dal 73’ Riccardo Del Grosso).

A disp.: Falzoi, Angelelli, Aiello, Roversi.


All.: Leonardo Aiello.

.

POMEZIA: De Maio, De Luca, Franco, De Santis (dall’87’ Priorelli), Giannetti, Daleno, Gamboni (dal 64’ Canale), Ruggero (dal 46’ Lo Pinto), Pippi, Bellitta (dal 64’ Prioteasa), Cestrone (dal 46’ Aquilani) .

 

A disp.: Balletta, Fonticelli, Morelli, Arduini.

All.:
 Cristiano Gagliarducci.

Arbitro: Christian Ferruzzi (sez. di Albano Laziale)

Ass.: Eleonora Negro (sez. di Roma 1) e Paolo Camilli (sez. di Roma 1)

.

NOTE. Ammoniti: 25’ Alessandro Del Grosso (I), 33’ Ruggero (P), 40’ Seferi (I), 65’ Riccardo Del Grosso (I), 68’ Canale (P), 72’ Oliva (I).

Angoli: 4-6.

Recupero: 2′ pt, 3′ st.

Coppa Italia di Eccellenza – 1° turno

Domenica 20 settembre 2020, ore 11

Stadio ‘Sport’s Campus’ di Selva dei Pini

Il Pomezia del Gagliarducci-bis comincia col botto la stagione post-pandemia, battendo la malcapitata Indomita Pomezia a domicilio con un roboante 7-2, e si presenta così nel migliore dei modi ai nastri di partenza del campionato, con la qualificazione al 2° turno di Coppa Italia e una prestazione sontuosa.
L’ex allenatore dello Spoleto si ripresenta dopo oltre un anno e mezzo di distanza dall’ultima gara sulla panchina rossoblù con il classico 4-3-3 con De Santis in cabina di regia e Gamboni e Cestrone a supportare bomber Pippi, insignito oltretutto della fascia al braccio per l’occasione. Di contro mister Aiello sceglie un più abbottonato 4-4-2 con Seferi e Cariello a comporre il tandem d’attacco nel tentativo di contenere e ripartire.

Pronti, via, dopo un botta e risposta tra Seferi e Cestrone, vicini al gol senza inquadrare la porta, il Pomezia sblocca subito la situazione al 13’: corner tagliato di Gamboni dalla destra e incornata vincente di Daleno sul primo palo, che anticipa tutti e porta immediatamente in vantaggio i rossoblù.

Passano appena 3’ e la squadra ospite trova anche il raddoppio con il colpo di testa questa volta di Giannetti che sfrutta al meglio il corner del solito Gamboni e mette in discesa la gara.

L’Indomita Pomezia accusa il colpo, non riuscendo a contrastare lo strapotere degli avversari e, dopo un altro tentativo fuori misura di Cariello, incassa il terzo gol pochi istanti prima del duplice fischio con De Santis che scambia benissimo con Pippi e tutto solo davanti a Spina infila in porta il pallone che chiude la partita già nei primi 45’.

Nella ripresa il copione non cambia e il Pomezia prima gestisce e poi dilaga grazie alla tripletta in 15’ di uno straripante Pippi e al sigillo finale sottomisura di Aquilani. Nel mezzo le due reti dell’orgoglio giallonero, peraltro stupende, firmate al 74’ da Medei (destro a giro dal limite all’incrocio dei pali) e all’89’ da Seferi (pallonetto al volo in corsa dopo un lancio dalle retrovie).

Vittoria rotonda e convincente per il Pomezia, che ottiene meritatamente la qualificazione al secondo turno (in programma l’8 dicembre) e sfodera un’ottima prestazione anche dal punto di vista del gioco e del carattere, presentandosi nel migliore dei modi all’appuntamento di domenica prossima per la prima di campionato con l’Atletico Vescovio.

Inizio da dimenticare invece per la giovane matricola di Aiello, che affrontava una squadra certamente superiore ma che ha dimostrato diverse lacune su cui dovrà essere bravo il suo allenatore a lavorare per mantenere la categoria. Domenica allo ‘Sport’s Campus’ arriverà l’Ottavia di Pino Porcelli.

 

Ufficio stampa Pomezia Calcio 1957

 

EM Social

EM Social Subtitle