Under 16

Il Responsabile Christian Fittante ci svela tutti i segreti della Scuola Calcio e dell’Agonistica rossoblù: “Speriamo di tornare presto alla normalità”

I campionati sono oramai fermi da tempo, ma le attività della scuola calcio e dell’agonistica rossoblù non si sono mai arrestate, anzi. A dirigere il tutto c’è Christian Fittante con il quale abbiamo scambiato due chiacchere cercando di tracciare un primo bilancio.

Da quest’estate la società con in testa il Presidente Alessio Bizzaglia ti ha affidato la direzione dell’agonistica e della scuola calcio rossoblù. Un ruolo importante con tante responsabilità, come valuti ad oggi il tuo operato, considerando anche il periodo difficile che stiamo vivendo?

“Ringrazio e ringrazierò sempre il Patron Alessio Bizzaglia per la fiducia e la stima che pone nei miei confronti la quale è reciproca. Effettivamente oggi ricopro un ruolo molto importante all’interno della Societa anche perchè mi trovo a gestire e a dirigere tutta la scuola calcio e l’agonistica che rappresenta il maggior numero dei Ns tesserati.
Ad oggi anche a causa di questo maledettissimo virus mi posso e ci possiamo ritenere soddisfatti del nostro lavoro, i numeri parlano per noi: abbiamo creato due squadre di agonistica con le quali avremmo potuto tranquillamente dire la nostra e altre due di altissimo livello.
La scuola calcio di Pomezia vanta oltre 90 iscrizioni e il polo di Torvajanica ne vanta oltre 60 numeri che in questo periodo storico e’ difficilissimo da realizzare ma tutto questo e’ grazie al lavoro e alla professionalità che ogni giorno mettiamo a disposizione dei ragazzi.”

 

Purtroppo ad inizio gennaio Pietro Peri ci ha lasciato. Un tuo personale pensiero e il ricordo più bello che ti legherà per sempre al nostro Direttore?

“Ebbene si, nessuno si aspettava e si augurava un dolore simile,ancora quando vado al campo mi risulta difficile pensare ad un Pomezia senza il Ns Amato Direttore. Come già detto per me era come un Padre, mi ha visto crescere sin da bambino, ero legatissimo a lui.
Mi ricordo quando questa estate il Patron mi propose di diventare il direttore dell’agonistica ed io effettivamente ero molto ma molto impaurito ma lui con grande maestria e con quel fare da genitore mi disse: vai tranquillo e se ne hai bisogno, ma non credo,  ti aiuto io…”

 

Con i campionati fermi, come state portando aventi l’attività dell’agonistica?

“In questo periodo di restrizioni, ci troviamo costretti a modificare la nostra metodologia di allenamento e virare su sedute individuali cosi come previsto dal DPCM. La scelta degli obiettivi per queste sedute nasce dalla consapevolezza che l’allenamento di concetti individuali rappresenta un prerequisito che trova certa applicazione anche nel gioco collettivo. Le sedute propongono esercitazioni centrate prevalentemente su obiettivi di carattere tecnico e tattico individuale . Devo fare un grande applauso a tutti i mister e al loro Staff perchè con la loro professionalità riescono in ogni seduta di allenamento a sopperire alla mancanza della partita finale che per i ragazzi è tutto, ma l’applauso piu grande va proprio a loro, ai miei ragazzi che costantemente vengono al campo ad allenarsi senza mollare un centimetro.”

 

Mentre con la scuola calcio sono diverse le iniziative che avete messo in piedi, a cominciare dall’allargamento con il nuovo polo di Torvayanica. Raccontaci meglio come si svolgono gli allenamenti e soprattutto come state facendo vivere questo momento surreale ai piccoli campioncini del domani.

“Da quando mi è stata affidata la scuola calcio il numero delle iscrizioni e’ in continua crescita, questo perchè noi tutti, a partire da me fino ad arrivare agli allenatori mettiamo tutto il nostro impegno e la nostra professionalità
Quest’anno insieme al Patron abbiamo deciso di alzare il tiro con l’inserimento nello staff della scuola calcio del Direttore Tecnico Andrea Bussi, persona umanamente speciale e professionalmente di livello superiore.
Forse una della persone più preparate nell’ambito calcistico che abbia mai conosciuto, un volore aggiunto per la crescita dei nostri ragazzi.
Insieme a lui abbiamo condiviso e ideato una metodologia di altissimo profilo per la nostra scuola calcio.
Tutti i gruppi a partire dai piccoli amici fino ad arrivare agli esordienti si allenano 3 volte alla settimana: 2 allenamenti sono esclusivamente con il proprio gruppo squadra – ogni allenamento è organizzato secondo le principali fasi di una seduta di allenamento attivazione, lavori di prevenzione, gioco individuale, analitica, tattica individuale situazionale mentre il terzo è un allenamento specifico del dettaglio—sono sempre i dettagli a fare la differenza.
L’allenamento specifico si divide in 3 fasi di mezz’ora l’una. La prima fase composta dalla parte motoria seguita del Prof. Giuseppe Chianese e dal Prof. Lorenzo Perri, tutti e due laureati in Scienze Motorie. La seconda da tecnica inividuale e nella terza fase lavoriamo sul situazionale, sulle fasi di possesso e di non possesso palla e sulle transizioni negative e positive.

Da quest’anno abbaiamo ampliato il nostro raggio di azione aprendo un polo a Torvajanica presso il Delfino Sporting Village che ci sta dando tantissimi riscontri positivi e tantissime soddisfazioni
Tutto questo grazie ad uno staff qualificato composta da Mister Alessio e Marco Caporaletti, da Mister Massimiliano Serpieri e al Prof. Davide Di Stefano che cura la parte motoria di tutti i ragazzi.”

 

Ripresa dei campionati di settore giovanile o stop definitivo. Secondo te quale sarebbe la scelta giusta che dovrebbero prendere le autorità preposte?

“Al momento tutti i riflettori sono puntati sull’Eccellenza e sui massimi campionati regionali di calcio a 5 e calcio femminile. Noi siamo molto favorevoli per la ripartenza dei campionati giovanili anche per dare una continuità a tutto il lavoro che in questi mesi duri e difficili abbiamo continuato a fare.
Se si dovesse ripartire,anche se la vedo molto dura, bisogna farlo con tutte le condizioni sanitarie opportune.”

 

In conclusione qual’è la speranza di Cristian Fittante e gli obiettivi che vi siete posti per il prossimo futuro?

“Nella speranza che questo periodo passi in fretta, già stiamo lavorando per portare migliorie sia nella scuola calcio che nell’agonistica.
Sono molti gli obbiettivi che ci stiamo ponendo per la prossima stagione: nella scuola calcio, insieme ad Andrea, stiamo lavorando già in prospettiva futura studiando delle situazioni specifiche di allenamento da mettere in campo che ci faranno fare un ulteriore passo in avanti, mentre l’obiettivo dell’Agonistica e’ quello di riportare in casa tutte quelle categorie Elite che in questo momento mancano ma che come società meritiamo.

Da Responsabile la mia vittoria più grande sarebbe portare il maggior numero di ragazzi possibile dalla scuola calcio all’agonistica, passando per la juniores e magari un giorno vederli esordire con la prima squadra, sarebbe il massimo.”

 

Ufficio stampa Pomezia Calcio 1957

 

24^giornata, il Pomezia vuole ricominciare a fare punti: c’è lo Scandicci per il ritorno di Bussi

Archiviata la sconfitta di domenica scorsa contro la Sangiovannese, il Pomezia Calcio 1957 è pronta a scendere in campo per la 24^giornata, la 7° di ritorno.

E’ stata una settimana movimentata in casa rossoblù con le dimissioni di mister Paolo Mazza e il ritorno del tecnico Andrea Bussi. 

Al Comunale arrivano i toscani dello Scandicci.

Lo Scandicci Calcio 1908, che milita nel Campionato di Serie D dal 2007, attualmente occupa la quinta posizione in classifica con 38 punti.

Il team fiorentino del tecnico Claudio Davitti sta disputando un ottimo campionato: in 23 partita ha collezionato 11 vittorie, 5 pareggi e 7 sconfitte. Vantano il miglior attacco del girone con 44 reti all’attivo e 26 reti subite.

Il loro miglior marcatore è Ferretti a quota 9 segnature.

I biancoblù sono reduci dalla vittoria di misura contro il Flaminia di Francesco Punzi, decisa da un gran gol di De Marco.

All’andata si impose lo Scandicci per 2 – 0 con una rete per tempo.

Ultimamente in trasferta hanno faticato molto e infatti nelle ultime 3 gare fuori casa hanno collezionato solo sconfitte perdendo con Grassina, Follonica Gavorrano e Monterosi.

Sul fronte Pomezia invece c’è molta attesa per il nuovo esordio di mister Andrea Bussi. Bisognerà capire come la squadra reagirà a questo cambio tecnico. Soprattutto è necessario tornare al gol e riniziare a fare punti al Comunale, che mancano dal pareggio per 1-1 con il Tuttocuoio.

Fischio di inizio fissato per le ore 14,30 – Stadio Comunale di Pomezia – Prezzo del biglietto 5 euro.

Dirigerà l’incontro il signor Dylan Marin di Portogruaro, assistito dai signori Nidaa Hader di Ravenna e Alessandro Castellari di Bologna.

 

 

L’intervista al mister dell’Under 16 Marco Di Venosa

Sulla panchina della nostra Under 16 siede il mister Marco Di Venosa.

Il tecnico di Aprilia già 10 anni fa era entrato a far parte della famiglia del Pomezia. Infatti per 5 anni ha guidato il gruppo classe 1996 dai giovanissimi alla juniores quando la società si chiamava Sporting Pomezia. Poi ha avuto una parentesi con i giovanissimi dell’UniPomezia durante la gestione Bizzaglia. Dopo di chè ha allenato la Virtus Ardea in 2° categoria e l’anno scorso i giovanissimi del Lido dei Pini. Quest’estate quando è arrivata la chiamata del Pomezia non ci ha pensato un minuto ed è tornato a Via Varrone con molto entusiasmo.

 

Allora mister, sabato è arrivato il primo punto della stagione grazie al pareggio per 1-1 contro il Borgo Pogdora. Che partita è stata?

 

Finalmente abbiamo disputato una grande partita, giocando decisamente bene. Abbiamo affrontato una squadra alla nostra portata e forse meritavamo anche la vittoria.

Siamo passati in vantaggio, abbiamo tenuto bene il campo e siamo stati in pieno controllo della partita fino a due minuti dalla fine, quando, dagli sviluppi di un calcio d’angolo, abbiamo subito il pareggio.

Peccato davvero perchè i ragazzi avrebbero meritato di ottenere la loro prima vittoria in campionato. Però vedo la squadra che cresce partita dopo partita e questo è importante.

 

Possiamo dire che numeri alla mano, la classifica non vi sorride. E’ stato un inizio difficile, vi aspettavate questo avvio?

 

Si in effetti stiamo faticando molto. La squdra è nuova, con tanti ragazzi alla loro prima esperienza.

Quando sono stato chiamato dal nostro Direttore Franco Salerno, la prima cosa che mi ha detto è stata: “Dobbiamo rifondare il gruppo dei 2004, lavorando con quello che abbiamo in casa”. E infatti è quello che stiamo facendo e dunque ci vuole tempo prima che arrivino i primi risultati.

Sapevamo che soprattutto nel girone di andata avremmo avuto qualche problema, ma i ragazzi si stanno impegnando al massimo.

Io sto frequentando il corso per diventare allenatore Uefa C e quindi tante volte, purtroppo,  non posso essere presente al campo per gli allenamenti; ma nonostante ciò ho un gruppo di ragzazzi eccezionali che si stanno applicando al massimo per assimilare la mia filosofia di calcio.

 

Nel prossimo turno farete visita alla prima della classe, il Nettuno che si trova in testa alla classifica a 21 punti. Come si preparano questo tipo di partite?

 

Ai ragazzi sto dicendo che non abbiamo nulla da perdere. Sulla carta partiamo sfavoriti. Loro sono una squadra importante e ben organizzata, ma noi dobbiamo andare a Nettuno per divertirci e cercare di fare una bella partita.

Non dobbiamo fare l’errore di scendere in campo timorosi di affrontare i primi della classe.

Cercheremo di giocare alti, aggressivi e compatti.

La stiamo preparando bene, cercando di prendere le giuste contromisure all’avversario, perchè mi sono informato sul loro modo di giocare e sto preparando la squadra in base alla loro disposizione tattica.

Una cosa è certa, non andremo a Nettuno a fare una passeggiata…Venderemo cara la pelle.

 

Qual’è l’auspicio di mister Di Venosa per il proseguio della stagione e quali obiettivi vi siete prefissati?

 

L’obiettivo principale è quello di far crescere i nostri ragazzi sotto tutti i punti di vista: caratteriale, fisico, umano, a livello tecnico e tattico. Proprio in questi giorni abbiamo tesserato due nuovi atleti e recuperato due infortunati.

Sono sicuro che con il tempo, la squadra andrà sempre meglio.

Il girone di ritorno sarà un’altra cosa, ne sono sicuro.

Con il tempo inizieremo a toglierci delle belle soddisfazioni.

Mi ritengo fortunato perchè  ho la fortuna di allenare un gruppo di ragazzi speciali che non cambierei per nulla al mondo.

 

 

 

 

 

 

Settore giovanile rossoblù, il programma del weekend 7-8 dicembre

Il programma del weekend (7- 8 dicembre) per le nostre squadre del settore giovanile:

  • Atletico Terme Fiuggi – Under 19 (sabato ore 15,00)
  • Indomita Pomezia – Under 17  (domenica ore 9,00)
  • Under 16 – Borgo Pogdora  (sabato ore 18,00)
  • G. Castello – Under 15  (sabato ore 15,00)
  • Pro Calcio Cecchina – Under 14   (domenica ore 9,00)

 

EM Social

EM Social Subtitle